Lo specialista risponde




Risposte Pubblicate:



Domanda del 02/03/2017Salve due mesi fa sono scivolato sedendomi con tutto il peso sul polso dx ho fatto la RM e la risposta è disomogeneità del collaterale ulnare a livello dell' TFP del primo raggio con ridondanza dorsale della capsula dorsale con inspessimento del tessuto adiposo in sede dorsale lungo il decorso della struttura tendinea si apprezzano severi fenomeni reattivi come per tenosinovite e disomogeneità del TFC come per fenomeni involutivi. Ho fatto la visita con un chirurgo e mi ha detto di fare fiseoterapia ma non ho risolto nulla lei cosa mi consigli grazie mille
Rispostaintervento chirurgico in artroscopia


Domanda del 01/03/2017Buonasera
In seguito ad una caduta accidentale mi ritrovo con forti dolori alla mano sinistra. Subito dopo la caduta ho fatto la radiografia e non risultava alcuna frattura così il mio medico curante sospettando uno strappo ai legamenti mi ha prescritto una ecografia seguita da una visita ortopedica.
L'ortopedico ha eseguito un'altra ecografia e pensando ad una lesione dello scafoide ha richiesto una risonanza magnetica.
Le inoltro il referto e Le chiedo un Suo parere ed eventuale terapia.
"Nel trapezio si osserva area di alterata intensità di segnale, a margini sfumate, dellestenzione di 1 cm circa, da riferire a edema da contusione ossea.
Quale reperto di scarso valore patologico si rilevano nello scafoide, nel semilunare e nel capitato, piccoli gangli cistici intraossei del diametro massimo di 8mm circa."
Per favore potete spiegare in modo che anche noi umani possiamo comprendere?
Ringraziandola anticipatamente attendo una Sua risposta
Alessandra Grosso

Rispostaè una frattura interna del trapezio, con corticale integra....utile tutore per almeno 30 gg


Domanda del 28/02/2017Buongiorno
In seguito ad un incidente stradale dell'agosto scorso,in cui ho riportato una frattura scomposta al radio,trattata con gesso,a distanza di 6 mesi ho ancora dolore e difficoltà nei movimenti, soprattutto di pronosupinazione però a livello dell'ulna e avambraccio/gomito. Dopo mesi di inutili attese abbiamo fatto un'elettromiografia che evidenzia sofferenza al nervo mediano soprattutto sensitivo e una rmn che mostra instabilità radio ulnare distale con lesione della fibrocartilagine triangolare. Poi diagnosi di eptrocleite. Vi chiedo gentilmente se potete darmi suggerimenti in merito e se l'eventuale intervento al polso si potrebbe fare in artroscopia per evitare una brutta cicatrice. Io puttroppo faccio la cucitrice in un'azienda di moda,x cui sottopongo il polso a movimenti ripetuti e continui! Grazie infinite per l'attenzione

Rispostasi potrebbe fare in artroscopia , ma non è detto che poi sia necessario fare un taglio per migliorare il movimento


Domanda del 24/02/2017Buongiorno dottore , dopo una risonanza magnetica mi hanno riscontrato una distensione liquida nello spazio tra scafoide e radio e piccole raccolte simili cistiche conglomerate anteriormente alle estremita' radiale
Mi puo' spiegare........grazie!

Rispostaha un versamento articolare di cui bisogna capire la causa. potrebbe essere utile una artroscopia di polso


Domanda del 16/02/2017Da circa 8 mesi ho un problema al polso sinistro, gioco a tennis, dopo varie terapie come tecar,laser il fastidio mi accorgo che non passa. Eseguo una risonanza magnetica per venire a capo al problema e scopro di avere alcuni legamenti e tendini "sfibrati".
Non sento dolore ma non sento stabile e forte il polso.
Qual'è la miglior soluzione da prendere in considerazione? Un operazione in artroscopia? Grazie per l'aiuto.

Rispostaartroscopia


Domanda del 10/02/2017Egr. Dott. sono Anna di 64 anni e mi conforterebbe il suo parere su quanto segue: 23 dicembre 2016 Frattura polso sn, pluriframmentaria del 3° distale epifiso diafisario del radio lievemente scomposta e con sospetto interessamento intraarticolare. Apparecchio gessato fino al gomito, rimosso dopo trenta giorni 24/01/2017 con esito RX: Controllo evolutivo frattura metaepifisaria distale radio, con rima fratturativa ancora apprezzabile. Terapia: fisiochinesiterapia in immersione. Conseguenze nell'arco di 1 settimana: gonfiore per 4/5 giorni, poca mobilità, parte dorsale esterna mano lungo tutto il pollice anestetizzata, oltre dolori diffusi irradiati al gomito e spalla sn. Nel contempo mi sono molto impegnata per il movimento seguendo la necessità quotidiana ma senza alcuna supervisione fisioterapica.Dunque mi sono rivolta Ortopedico: 1 fiala di Clody 100 al giorno per 1 sett. e poi 1 ogni sette per un mese, DIBASE 25000 un flacone ogni 15 gg. Il 09/02/2017 eseguita RM con il seguente esito: Frattura plurivettoriale composta dell'epifisi distale del radio con residuo edemigeno intraspongioso. Alterazione algodistrofica post-traumatica del semilunare e in minor grado del profilo dorsale del piramidale. Conservati i rapporti articolari con varianza ulnare neutra. Disomogeneità strutturale della TFC. Non altrazioni di segnale a carico della componente tendinea flessoria ed estensoria propria del carpo e delle dita. Non apprezzabili alterazioni di segnale e morfologiche a carico del nervo mediano a livello del tunnel carpale. Versamento articolare. Il mio timore è che l'osso non si è consolidato definitivamente e ora temo di muoverlo così come attivamente fatto in precedenza. Ho adottato un tutore che indosso quando esco di casa( forse avrei dovuto indossarlo subito dopo il gesso!) Mi interessa molto il suo parere e suggerimento sul fare. Ringrazio e saluto cordialmente.
Rispostapotrebbe eseguire una TAC per verificare la formazione del callo osseo


Domanda del 09/02/2017Gentile Dottore quando suono la batteria mi si addormentano le tre dita (Pollice, indice e medio) della mano destra. Ho provato a cambiare le bacchette , sia come peso che come diametro, ma non è cambiato nulla. Come potrei risolvere questo problema ? La ringrazio per la risposta
Rispostafaccia una EMG


Domanda del 09/02/2017Buona sera dottore ho eseguito resonanza magnetica con contrasto e la risposta è la suddetta .a carico osso semilunare è riconoscibile minuta areola di erosione geodica delimitata da sfumato focolaio di edema midollare senza in atto aspetti di necrosi asettica. Presenza di modesta variante ulnare negativa con fibrocartillagine . Presenza di esile falda di versamento articolare si dispone a ridosso dello scafoide .quesito aglia persistente in sospetta necrosi semilunare ( forse morbo kimbok ) distinti saluti mi aiuti la prego
Rispostautile una artoscopia di polso per verificare la cartilagine


Domanda del 04/02/2017Salve Dottore, la mia situazione è molto delicata dato che ho affrontato in passato 4 interventi.
Come professione facevo batterista suonando per diverse ore la sera.
Nel 2011 Ho iniziato ad avere un fastidio al polso sinistro, cosi di seguito il problema si fece sempre più doloroso.
Ho smesso di svolgere questa attività e mi fece operare nel 2012 a Savona con intervento:riposizionamento dei residui della TFC fissata con ancora minilon. Dopo la terapia che seguì con ancora presenza del dolore mi operai di nuovo nel 2013 intervento: tecnosinovialectomia.
Dopo i 2 interventi continuai con il dolori al polso, decisi di rivolgermi ad altri chirurghi.
Nel 2014 andai a Modena. esiti di lesione della FTC del polso sinistro con intervento a cielo aperto per riparazione della lesione, tuttavia riferita completa del dolere, dei sintomi del quadro clinico pre operatorio, seguito 2 interventi all’ EUC per sostanziale e con successivo 2 intervento di sinovectomia dell euc con permanenza del dolore.
Si propone trattamento chirurgico verosimilmente da eseguire in più tappe alla TFC ed all’EUC.
esiti di lesione della TFC da lesione lacerativa ulnare e radiale del polso sinistro trattata con intervento riparazione artroscopia in esisti di precedente intervento di riparazione inefficace e con lussazione ed instabilità del EUC che dopo ulteriore precedente intervento permane invariata con stabilità cronica.
Nel dicembre del 2014 fece il ultimo intervento con esiti di lesione de TFC del polso sinistro con esiti di lesione della guaina dell’EUC dopo precedente intervento con lussazione dolorosa e sinovite dell’EUC dolorosa.
Permane il quadro doloroso EUC per lussazione e lo stato infiammatorio sinovitico reattivo con dolore alle regione del decorso e con netto scatto lussativo doloroso, completo recupero della sensibilità.
Dopo questi due interventi ho ricuperato il movimento, ma ho un dolore nella parte del TFC insopportabile che a volte non mi lascia ne anche dormire la notte e dato che sono mancino non riesco a scrivere a fare tanti sforzi per il dolore ho 30 anni sono ancora giovane si se può fare ancora qualcosa.
La ringrazio. rodrigo

Rispostadovremmo visitarla visto il suo complesso quadro.


Domanda del 02/02/2017buona sera dottore volevo chiederle un informazione al riguardo sui tempi di guarigione dopo un intervento al
polso con tecnica sauve kapandji. il tutto dovuto ad una frattura scomposta della testa del radio avvenuta nel 2012 mal consolidata, presentando plus ulnare, con relativo danno alla cartilagine tfcc ecc.ecc. che ha portato all'intervento sopra citato.cordiali saluti

Rispostavaria a secondo della tecnica, ma di solito il callo impiega a formarsi 30 45 gg



Dr. Luchetti

Riccardo Luchetti

Presidente della SICMSocietà Italiana di Chirurgia della Mano
Presidente della ISSPORTHSocietà Internazionale per la Traumatologia Sportiva della Mano

Guarda il profilorluchetti@artroscopiadipolso.it

Dr. Atzei

Andrea Atzei

Presidente della EWASSocietà Europea Artroscopia del Polso

Guarda il profiloaatzei@artroscopiadipolso.it