Lo specialista risponde




Risposte Pubblicate:



Domanda del 22/01/2018Buongiorno,
questo è il referto della risonanza fatta dopo tre mesi dalla caduta che ha causato il dolore del polso:
Si segnala la presenza di una evidente alterazione strutturale della fibrocartilagine triangolare sul versante ulnare ove sembra apprezzarsi una micro discontinuità delle sue fibre sul versante dorsale di tipo lesionale peraltro apparentemente non a tutto spessore.Tutto il resto negativo.
Volevo chiedere qualche consiglio su come comportarmi, ho già preso antinfiammatori e indosso una polsiera rigida da 20giorni.
Grazie anticipatamente, Giacomo.

RispostaMANTENGA IL TUTORE MA HO SCARSE GARANZIE CHE GUARISCA. DI SOLITO IL LEGAMENTO TRIANGOLARE VA OPERATO.
LUCHETTI



Domanda del 07/12/2017Sono il Dr. Marongiu Angelo, Fisiatra, e sono alle prese con la Rizoartrosi di una paziente settantenne, resistente sia alla terapia farmacologica che alla fisioterapia.
Secondo il mio modesto avviso avrebbe bisogno di un intervento chirurgico risolutore (la paziente non dorme la notte per il dolore).
Come posso mettermi in contatto con Voi? O quanto meno inviarvi la paziente? Sono importanti i costi della operazione.
Grazie
Dr. Marongiu
Contatto: cell. 339 10 73 549

RispostaEGR COLLEGA MI CONTATTI VIA TEL 0541.785566 (AMBULATORIO VALTURIO DI RIMINI) SABATO MATTINA
 



Domanda del 01/12/2017Ho un dolore al polso dx da circa nove mesi. Ho fatto una RM con mezzo di contrasto che ha evidenziato un disomogeneità strutturale della fibrocartilagine triangolare con uno "slaminamento" verso l'esterno. Per il momento sto tenendo un tutore di notte e sto facendo una terapia di ultrasuoni senza evidenti risultati. Sara' necessario un intervento chirurgico?
Rispostamantenga il tutore ma il risultato penso sia non buonop. Di solito queste lesioni vanno operate
Luchetti



Domanda del 27/11/2017Buongiorno Dottore...
nel 2008 in seguito a caduta ebbi una frattura di scafoide evoluta poi in pseudoartrosi per la quale circa un anno dopo sono stato operato con intervento di tipo Matti russe con successo e ripresa di attività sovrapponibile alla normalità... da qualche tempo avverto dolore all'estensione del polso e alla deviazione dello stesso in direzione del pollice... non è un dolore fortissimo ma si presenta fastidioso anche e soprattutto in relazione al mio lavoro (infermiere) in cui le mani le uso tanto. A suo giudizio quale potrebbe essere la causa... da una precedente Rx (di circa u anno fa) non si sono riscontrate fratture e all'rmn nessuna lesione a parte una tendente che ho curato con fisioterapia specifica... potrebbe esserci una lesione cartilaginea o tendinea?
Grazie mille

Rispostacerto potrebbe esserci un danno cartilagineo e quindi una condropatia con inizio di artrosi. Bisognerebbe vedere le radiografie

Luchetti



Domanda del 27/11/2017Buonasera dottore, , mi chiamo Massimiliano M.sono un Agente di Polizia Penitenziaria, mi conforterebbe un suo parere su quanto segue:in seguito ad una caduta accidentale in servizio successa il 16/08/2017 mi ritrovo con forti dolori alla mano e polso sinistro. Subito dopo la caduta ho fatto la radiografia in ospedale ed hanno riscontrato una frattura al radio sinistra trattata con gesso,avendolo poi tolto dopo 30 gg,ho iniziato a fare un ciclo di venti fiseoketerapie ,ancora ad oggi sento dolore.L'ortopedico mi ha consigliato di fare una RM POLSO SN con la quale dopo l'esito è stato riscontrato chè; l'esame eseguito con sequenze SE,FSE e STIR,T1 e T2 dipendente,secondo piani multipli,dello spessore di 4mm.Alterazione morfologica dell'epifisi distale del radio in assenza di iperintensità di segnale nelle sequenze STIR da riferire a frattura in fase di avanzata consolidazione.Discreta falda di versamento fluido in corrispondenza della trapezio scafoidea.Fenomeni involutivi si osservano in corrispondenza della fibrocartilagine triangolare.Assenza di significative alterazioni dei muscoli flessori ed estensori.Se è possibile mi sa spiegare e darmi qualche consiglio..la ringazio di cuore.Distinti saluti Massimiliano.
Rispostasarebbe utile eseguire una artroscopia di polso per verificare le superifci articolari


Domanda del 05/11/2017Buongiorno, ho 49 anni e dieci mesi fa ho avuto una frattura bilaterale dei polsi dopo una caduta. Ho portato il gesso per 50 giorni e le fratture si sono ben consolidate. Mentre il polso destro è totalmente guarito (la frattura era scomposta ma più distante dall'articolazione), a quello sinistro ho un lieve deficit nella supinazione e un po' di dolore specie in alcuni movimenti. Uno specialista di Napoli mi aveva consigliato un intervento consistente in un allungamento del radio, un altro di Modena mi ha invece consigliato di continuare la fisioterapia e di valutare a distanza di 3-4 mesi l'eventualità di un intervento con tecnica di Sauvè-Kapandji. Considerato che il fastidio è presente ma non è particolarmente invalidante, e che non mi entusiasma la prospettiva di un intervento invasivo a breve, volevo sapere se la tecnica artroscopica può essere utile nel mio caso. Se così fosse, vorrei sapere come è possibile prenotare una visita.
Grazie mille

Rispostasi potrebbe provare con una artroscopia per valutare il quadro articolare ma potrebbe essere non risolutiva del problema


Domanda del 03/11/2017Buongiorno,
praticando esercizi ginnici ho presentato un dolore al polso. Recatomi da un ortopedico, dopo la visita mi ha consigliato una RMN dato una sospetta lesione della cartilagine triangolare.

RMN: tenue alterazione di segnale con modesta iperintensità a livello della spongiosa ossea dell'apofisi stolide dell'ulna (edema reattivo?) . Si associa scarsa definizione dell'inserzione ulnare della TFCC (lesione parziale?) Minimo versamento in sede ulna carpale. Domanda:cosa significa??

Dopo aver provato a tenere fermo il polso con un tutore per più di un mese senza avere miglioramenti con l'ortopedico ho deciso di rivolgermi ad un chirurgo della mano, presumendo l'operazione tramite artroscopia. La mia domanda è una volta finita l'operazione e il periodo riabilitativo, potrò tornare a svolgere l'attività ginnica come prima o ne risentirò e sarò calante in alcuni movimenti?
Grazie

Rispostase il legamento guarisce bene potrà fare tutto quello che vuole
 



Domanda del 11/10/2017Buongiorno dottore , mio figlio Fabrizio nell'anno 2015 del mese di aprile,a seguito di infortunio riporto' frattura scomposta metafisaria del radio e ulna braccio sx e gli fu praticata osteosintesi percutanea con filo di K introdotto prima nel radio e poi il secondo nell'ulna con direzione disto prossimale.
A seguito rimozione gesso non venne riferito a noi genitori nessuna riabilitazione idonea.
Dopo un po' di tempo mio figlio riscontrava la mancanza di prono supinazione della mano pensando fosse solo questione di tempo.
Ad oggi non riesce a girare il polso a 180 gradi ma solo a 90.
Quando me lo ha riferito ho cercato di fargli fare esercizi per riportarlo alla normalità ma e' stato tutto invano.
Cosa e' possibile fare ? Si potrebbe intervenire chirurgicamente ?
Con l'artroscopia si otterrebbero risultati ? Oggi mio figlio ha quasi 18 anni.
La ringrazio anticipatamente per la risposta.

Rispostacerto, si può fare qualcosa, ma va valutato clinicamente per decidere la cosa migliore da fare


Domanda del 05/10/2017Salve dottore, è da novembre 2016 che soffro di stiloidite ulnare (diagnosticata dall'ortopedico) ad entrambi i polsi.
Ho fatto diverse cure di antinfiammatori e.cerotti ma non ho ottenuto alcun risultato.
Ora sto effettuando un ciclo di laser terapie ed ultrasuoni. Pensa che possa risolvere definitivamente il problema?

Rispostamah, la diagnosi è poco chiara, sarebbe utile una visita presso specialista di ch della mano


Domanda del 01/09/2017Da diversi mesi avevo dolore al polso Dx così ho deciso di fare una risonanza magnetica. Il referto dice: "Alterazione disegnale con modesta falda fluida articolare più evidente a livello scafo-trapezio-trapezoide ed ulno-carpale, in esiti post traumatici; sottile falda articolare trapezio-metacarpale. Tutto il resto è negativo. Vorrei sapere cosa posso fare per curarmi. Grazie
Rispostalaser e ultrasuoni



Dr. Luchetti

Riccardo Luchetti

Presidente della SICMSocietà Italiana di Chirurgia della Mano
Presidente della ISSPORTHSocietà Internazionale per la Traumatologia Sportiva della Mano

Guarda il profilorluchetti@artroscopiadipolso.it

Dr. Atzei

Andrea Atzei

Presidente della EWASSocietà Europea Artroscopia del Polso

Guarda il profiloaatzei@artroscopiadipolso.it