Lo specialista risponde




Risposte Pubblicate:



Domanda del 02/03/2016Gentilissimo dottore,

ho necessita’ di chiedere un suo consulto riguardo un problema che mi affligge da quasi un anno.
L’anno scorso di questi tempi ho trasclocato e fatto dei lavori in casa, quindi pitturato i muri e soprattutto ho sollevato dei pesi, in particolare un frigo.
Sul momento non ho avvertito dolori particolari ma dai giorni successivi, ho iniziato ad accusare dei dolori al polso destro, dolore quasi sempre presente che si aggrava soprattutto stando al pc e lavorando col mouse, fino a costringermi a cambiare mano.
I sintomi sono di carattere doloroso che varia a secondo delle attivita’ e costante senso di rigidita’. Pian piano il dolore si irradia verso l’avambraccio, e da un po di tempo a questa parte avverto dolore anche al gomito nella parte posteriore appena sopra l’avambraccio. Molte volte ho come la sensazione che l’avambraccio mi si voglia distaccare dal corpo.
Non ho formicolio alle mani, ma il dolore dopo un po e’ insopportabile ed ho necessita’ di lasciare il mouse e gestirlo con la mano sinistra.
Ho fatto, fisiokinesi, laser , mesoterapia, tecarterapia , ultrasuoni, ma senza particolare giovamento.
La RM al polso evidenzia :

“Iniziali note artrosiche a livello carpale dove si associano modesti aspetti di artrosinovite. Lo spessore della cartilagine articolare mostra segni di riduzione. Esiti distrattivi al legamento scafo-lunato peraltro stirato. Tende ad una lieve dislocazione il tendine dell’estensore ulnare del carpo, in direzione ulnare dalla sua normale posizione nel solco del dorso dell’ulna, indicativo di seppur modesti, esiti lesionali della guaina del tendine stesso. I tendini sono normali ecc ecc ... ma con minima raccolta liquida a ridosso degli estensori radiali del carpo. No segni di sofferenza del nervo mediano.”

L’ecografia dell’avambraccio invece dice:

“L’indagine dell’avambraccio e del polso dx mette, mette in evidenza tenosinovite moderata dei tendini estensore radiale lungo e breve del carpo. Lieve tenosinovite dei tendini abduttore lungo del pollice come da iniziale sindrome di De Quervain . Lieve versamento di 7 mm nello spazio omero radiale. Nulla da segnalare a carico dei tendini flessori.”

L’Elettromiografia:

“Il nervo ulnare mostra bilateralmente un lieve rallentamento motorio del al gomito. Normale bilateralmente il nervo mediano”

All’esame clinico non denoto deficit motori particolari.
Fino ad oggi gli ortopedici/fisiatri che mi hanno visitato, non sono riusciti a farmi chissa’ quale chiarezza sul mio problema, si sono limitati a darmi delle terapie da fare risultate costose e inutili.
Ad oggi non capisco ancora se la causa dei dolori che mi accompagnano oramai lungo tutte le giornate, sia causato da un problema di natura articolare, muscolare o neurologico.
Mi hanno visitato 2 chirurghi della mano, uno a Modena e l'altro a Bologna i quali
hanno escluso interventi di carattere chirurgico e si sono limitati a prescrivermi terapieconservative che comunque non mi hanno risolto il problema.
Cosa mi consiglia di fare? In caso avessi necessita' di fare un'artroscopia del polso, chi deve prescriverla, lo specialista o puo' farlo anche il medico di base?
Ci sarebbe la possibilita' di farla in regime col S.S.N.?
Chiedo scusa per le domande ed attendo fiducioso un vostro riscontro.
Grazie infinite.

Rispostainnanzitutto bisogna eseguire un accurato esame clinico. Se è necessario eseguire una artroscopia di polso, noi la prescriviamo e può essere eseguita con il SSN.


Domanda del 29/02/2016buonasera giorno 23 mi sono rotta il polso con caduta moto dopo 2 giorni di bendaggio steccato mi hanno messo gesso e correzione del radio distale manuale oggi ho ancora dolore di sera inoltre è normale che al movimento del braccio sento come un rumore dell'osso,grazie per la gentile risposta
Rispostafaccia una TAC per verifica osso


Domanda del 26/02/2016Buon giorno. Ho 62 anni e in 2015(settembre) sono stata sottoposta ad intervento di artroplastica in sospensione sec W CERUSO(rizoartrosi) ; apertura canale carpale e tenolisi flessori medio ,mano Sx.Dopo tutti questi mesi,facendo fisioterapia , i problemi non sono migliorati.Il medico di famiglia ,mi ha consigliato l"ecografia.L"esito ecografia : Si evidenzia una disomogeneita' strutturale a carico del tendine del flessore radiale del carpo,che appare ispessito ed ipoecogeneo in sede preinserzionale per entesopatia. Si associa una residua distensione fluida della guaina di scorrimento dei tendini flessori del 3 dito.Si rileva disomogeneita' del tessuto sottocutaneo a livello del tunel carpale per fenomeni flogistici e fibrotico-cicatriziali. Vorrei sapere gentilmente il suo consiglio. Grazie.
Rispostal'esito dell'eco è regolare per i tipi di intervento a cui si è sottoposta. Se il problema persiste può eseguire delle terapie fische tipo laser e ultrasuoni...eventualmente una revisione chirurgica


Domanda del 08/02/2016Buonasera dottore.mio marito il 14 gennaio 2016 è stato operato a causa di una pseudo-artrosi allo scafoide carpale. L intervento è stato eseguito inserendo un innesto osseo e gel piastrinico. Sappiamo che l intervento è ben riuscito ma non assicura la totale guarigione quindi c'è la possibilità di un altro intervento con diversa tecnica.Qui nasce la domanda, se mio marito decidesse di non operarsi quali sono i rischi?spero di ricevere una Sua risposta al più presto perché purtroppo tra diagnosi tempo di attesa per l operazione gesso tutore e riabilitazione mio marito non potendo lavorare sta cadendo in paranoia.non so più come aiutarlo.confido in una risposta.grazie mille.
Rispostaevolve in una artrosi completa del polso che non gli permetterà più di muovere il polso. Ci sono diversi interventi, cosidetti " di salvataggio" che possono essere eseguiti quando lo scafoide non si riesce a saldare, che se eseguiti bene, lasciano un polso senza dolore e con discreta motilità


Domanda del 08/02/2016un mese fa giocando a pallone ho preso una pallonata sul pollice della mano destra che si è flesso ed è tornato in posizione distesa . Mi sono sottoposto a radiografia che ha escluso frattura ma ha evidenziato problema alla capsula legamentosa. Ho messo ghiaccio, crema all'arnica ed un tutore per tenere disteso il pollice. L'edema si è riassorbito ma il dito è ancora gofio e non riesco a piegarlo.
Rispostautile eseguire una ecografia, la rx non vede la capsula ne i legamenti


Domanda del 05/02/2016A causa di una caduta ho un versamento al dito anulare devo andare al pronto soccorso? Grazie
Rispostacerto


Domanda del 03/02/2016SE IN SEGUITO AD UNA FRATTURA DEL POLSO VI è DISTACCO DELL'APOFISI STILOIDE DEL RADIO è NECESSARIO L'INTERVENTO CHIRURGICO O è SUFFICIENTE L'INGESSATURA DEL BRACCIO?
RispostaSe non crea dolore può rimanere li
 



Domanda del 30/01/2016Buon giorno dottore ho 42 anni in seguito ad una caduta in bicicletta ho subito la frattura di Galeazzi con frattura radio e lesione Tfcc destro.Mi hanno operato il 2 dicembre con osteosintesi con placca e viti del radio e ricostruzione e reiserzione della Tfcc e stabilizzazione con filo di K della Rud. Il giorno 20 gennaio mi hanno tolto il gesso e il filo di K ma dalla radiografia eseguitami non avevo ancora una calcificazione del radio.Mi viene fatto un tutore in materiale termoplastico removibile e prescritta magnetoterapia per la calcificazione e fisioterapia .Il giorno 26 gennaio inizio con la fisioterapia con una certa cautela dato che il radio non e' ancora calcificato ma denoto una quasi assenza di supinazione ,una pronazione per 1/4,flessione 35° e estensione per 10°.Sono molto preoccupato soprattutto per il mio ritorno professionale in quanto faccio un lavoro manuale.Mi potrebbe dare il suo parere in merito.Grazie e buona giornata.
RispostaDa quello che racconta le cose non stanno andando tanto bene. Utile una consulenza per valutare l'eventualità di eseguire anche una tac. Potrebbe esserci una problematica a carico della radio ulnare distale che non permette una pronosupinazione del polso


Domanda del 27/01/2016Buonasera dottore e grazie in anticipo per la risposta. gioco a tennis e da qualche mese ho dovuto smettere per un dolore persistente al polso. Ho fatto la rm: Severa osteocondropatia degenerativa delle limitanti ossee contrapposte delle articolazioni radio carpica, intercarpica e carpo metacarpali caratterizzate dalla presenza di areole geodiche degenerative. in particolare si apprezza ereola geodica subcondrale in sede radiale del diametro 8 mm. circa circondata da iperemia reattiva della spongiosa limitrofa.
Grazie tantissimo per il parere che mi darà in considerazione che non mi rendo conto della gravità o meno del mio problema e che eventuale terapia potrei intraprendere per risolvere il problema.
Marcello Mercurio

RispostaPotrebbe essere utile eseguire una artroscopia di polso per verificare la reale alterazione delle superfici articolari....


Domanda del 26/01/2016Salve , qualche giorno fa sono caduto in mtb , risultato della lastra "
Dubbia infrazione distale , il polso è il sx e circa 10 anni fa ho rotto lo scafoide e tunnel carpale . Mi hanno detto di tornare venerdi con le lastre dell intervento di 10 anni fa .. Le lastre non le trovo più , dicono di andare lo stesso .. Secondo voi , essendonun infrazione basterà solo il tutore/gesso , o si dovrà ricorrere ad intervento ?

RispostaBisogna vedere le Rx 



Dr. Luchetti

Riccardo Luchetti

Presidente della SICMSocietà Italiana di Chirurgia della Mano
Presidente della ISSPORTHSocietà Internazionale per la Traumatologia Sportiva della Mano

Guarda il profilorluchetti@artroscopiadipolso.it

Dr. Atzei

Andrea Atzei

Presidente della EWASSocietà Europea Artroscopia del Polso

Guarda il profiloaatzei@artroscopiadipolso.it